erbe-e-miti-2020

Storie e attività tra natura e archeologia: quattro incontri virtuali per tutta la famiglia

Nonostante la chiusura, la Primavera ha spalancato i cancelli e invaso l'Area Archeologica!
Per non perdere l'abitudine delle nostre passeggiate annuali alla scoperta delle erbe spontanee che crescono tra le rovine etrusche e romane, quest'anno vi proponiamo una serie di incontri virtuali, all'interno del nostro blog S-punti d'Incontro, per portare un po' di primavera tra le pareti di casa.

Ogni venerdì, per tutto il mese di aprile, vi proporremo quattro incontri virtuali pensati per tutti, dai più piccoli ai più grandi.
Sarà l'occasione per una passeggiata immaginaria, all'aria aperta, che ci condurrà lontano nel tempo e nello spazio: dall'Area Archeologica con le sue piante ed i suoi fiori, ci sposteremo nel Museo Archeologico, dove i reperti ci aiuteranno a scoprire, con arte, mito e archeologia, quali erano nell'Antichità gli usi delle erbe spontanee.

Purtroppo la maggior parte di noi ha perso memoria dell'importanza di queste erbette che non hanno bisogno di essere coltivate, ma esse hanno da sempre ricoperto un ruolo fondamentale nella vita degli uomini, molto più di quanto possiamo immaginare; ce lo raccontano miti, leggende, ma anche i reperti archeologici e le raffigurazioni artistiche.

E, come ogni passeggiata, prima di tornare a casa faremo una sosta per divertirci e svagarci con un'attività a tema, da fare con la compagnia e l'allegria dei più piccoli...e di chiunque vorrà.

Pronti a cominciare la nostra passeggiata?

  1. Bellis Perennis (margherite di campo)
  2. Ulivo
  3. Menta
  4. Alloro